Archivi tag: Michelangelo

6. Nascita di Venere – Sandro Botticelli (1483-85) – Uffizi, Firenze

I 40 dipinti più famosi nel 2020

“Un dipinto famoso come la Primavera deve essere in rapporto col più famoso mecenate dell’epoca, Lorenzo il Magnifico; deve essere ispirato dal poema più celebrato del tempo, le Stanze di Poliziano; deve commemorare l’episodio più famoso di quegli anni, la famosa giostra;  e deve rappresentare i suoi protagonisti più affascinanti, Simonetta e Giuliano. Nella sua forma meno grezza il dipinto non rappresentarealmente il fatto, né illustrail poema. Ripiega quindi su posizioni più suggestive e meno facilmente confutabili come l’affermazione che la Primaverasimboleggia l’età del Rinascimento con il suo tempo primaverile di gioventù e piacere; oppure che “esprime” lo spirito dell’epoca e il suo carnevale “pagano”, per il quale il ritorno della “giovinezza” di Lorenzo rappresenta la citazione di rito. Queste costruzioni storiografiche romantiche non avrebbero mai incontrato il successo che hanno incontrato se nell’arte stessa di Botticelli non ci fossero certi caratteri per i quali si presta alle interpretazioni più contraddittorie.” (Ernst H. Gombrich, Immagini Simboliche, Mitologie botticelliane, Torino 1978, p. 49)

Continua a leggere

Variazioni colorate sul David di Michelangelo

David fluo in vetrina a Firenze. Foto Safarik Art Magazine

David fluo in vetrina a Firenze. Foto Safarik Art Magazine

L’invasione dei David fluorescenti!

Firenze è una città splendida: buona arte e buon cibo.

Per tutte e due “serve” il marketing perché tutto è in vendita. Un dato di fatto.

Si riproduce il Parmigiano nella forma di Parmesan per arrivare ad un maggior pubblico.

Vicino a piazza della Signoria mi lascia interdetta la vetrina con i David colorati.

Da studiosa dell’arte, a voler essere rigorosa, lo considererei uno scempio. Invece nel ruolo di turista devo riconoscere che il fascino del souvenir fa presa.

La scultura michelangiolesca stampata a laser mi fa sorridere. Faccio una foto. Ha catturato il mio interesse.

Non ci si deve vergognare di ciò che ci piace.

Il David versione 2.0 fluo in tre colori non posso certo dire che proprio mi piaccia. Un po’ mi vergogno dell’attenzione ai gingilli kitsch a due passi dal “vero” David..poi smetto. Che c’è di male!

La critica costruttiva ben venga, ma voglio limitare il mio essere così bacchettona. Conosco la statua originaria e la sua “sofisticazione”. Diversamente dal Parmigiano il David non ci perde. Ed io che lo sento come attentato al buon gusto posso superare la vetrina con un sorriso…

L’arte è un gioco! Anche sorridere è arte. Continua a leggere