Archivi categoria: Critica d’arte 2.0

Fontana delle Cariatidi a Roma

Fontana delle Cariatidi - Piazza dei Quiriti - Roma. Foto Safarik Art Magazine

Fontana delle Cariatidi – Piazza dei Quiriti – Roma. Foto Safarik Art Magazine

Fontana delle Cariatidi – Piazza dei Quiriti – 1924 – Prati di Sant’Angelo – Roma. 
Staremo qui sedute senza aspettare. 

Le quattro figure di donne nude sedute che sorreggono la vasca superiore della fontana fecero scandalo negli ambienti più conservatori. La nudità e la postura provocante ebbero molti detrattori, i quali si erano già scagliati contro la simile ardita Fontana delle Naiadi di Piazza Esedra (della Repubblica). Lo scultore Attilio Selva collocò la sua opera nel centro della piazza circolare, a sua volta, al centro di un giardinetto intimo circolare.

Come arrivarci..
Altre notizie..

Cortili Aperti a Roma

Cortile Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari. Foto Safarik Art Magazine

Cortile Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari. Foto Safarik Art Magazine

Cortili aperti Roma: ingresso libero sabato 20 e domenica 21 maggio 2017 fino al tramonto. Trenta siti storici eccezionalmente aperti al pubblico e gratuiti. Giornata Nazionale A.D.S.I., Associazione Dimore Storiche, col patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Con il contributo di Engel & Völkers (foto rivista trimestrale GG, le più belle case nel mondo, Happy Holidays edition) ed il sostegno di Banca del Fucino.

Open courtyards in Rome. Thirty splendid courtyards of the most celebrated private roman palaces is open to visit. Free entrance.

Cortile di Palazzo Del Drago, Via dei Coronari, 44. Il palazzo costituì la prima residenza a Roma della famiglia di origine viterbese Del Drago, costruito su alcune case acquistate nel 1557. La famiglia si trasferì nell’Ottocento nel palazzo al quadrivio della Quattro Fontane, appartenuto alla regina Maria Cristina moglie di Ferdinando VII re di Spagna, ma mantenne fino alla metà del Novecento la proprietà del palazzo ai Coronari. Questo presenta una facciata a bugnato in stucco; al piano terra è il portale decentrato con bugne a raggera ed una serie di botteghe; all’ammezzato finestre con inferriate con cornice semplice; al primo e al secondo piano nove finestre ravvicinate due a due, con architrave sorretto da mensole quelle del primo, ad arco sormontato da architrave quelle del secondo piano. Il cornicione sorretto da modiglioni è ornato da rosette. Nel palazzo fu incorporata l’antica chiesa di S. Salvatore de inversis, ricordata già in una bolla di Alessandro III del 1177, restaurata nel 1681 dal canonico vaticano Mario Del Drago. Residenza della grande attrice, recentemente scomparsa, Mariangela Melato. 

L’attico della Melato è stato messo in vendita per 4 milioni di euro. “Il volto dell’attrice appare un po’ ovunque – scrive il ‘Corriere della Sera’ (foto del salone) che pubblica anche la foto di un salone della casa – si scorge facendo un po’ di attenzione anche su un cuscino. Ma è il contesto a svelare il gusto di un’intellettuale raffinata, attenta, lontana da qualsiasi volgarità. Al centro del salone, per esempio, compare il famoso ‘tavolo con ruote’ di Gae Aulenti, del 1980. Più in là una bella lampada Tiffany, simbolo assoluto del liberty”. “Per il resto gli spazi appaiono sobriamente vuoti, arredati da chi non vuole riempire troppo, né strafare – si legge sul quotidiano – Siamo nel centro storico, proprio nel suo cuore, sono gli ultimi piani di palazzo del Drago in via dei Coronari, seconda metà del ‘500. La terrazza guarda su tutta Roma. L’abitazione è vasta, sono 240 metri quadrati, i saloni sono due: il primo all’ultimo piano del palazzo, il secondo nell’altana che ha poi una fantastica terrazza panoramica”. L’appartamento non è visitabile, ma potete immaginare qualcosa sbirciando le finestre del cortile tra alberi di nespole, bouganville, rose,  e piante rampicanti.

Salone della residenza dell'attrice Mariangela Melato in Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari, con suo ritratto. Foto Corriere della Sera

Salone della residenza dell’attrice Mariangela Melato in Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari, con suo ritratto. Foto Corriere della Sera

Affreschi dell'ingresso di Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari, con suo ritratto. Foto Safarik Art Magazine

Affreschi dell’ingresso di Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari. Foto Safarik Art Magazine

Via dei Coronari, vicino Palazzo Del Drago, Roma. Foto Safarik Art Magazine

Bouganville a Via dei Coronari, vicino Palazzo Del Drago, Roma. Foto Safarik Art Magazine

Residenze da favola. Tenuta di Southlake in Texas, dalla rivista GG delle più belle case del mondo, Engel & Volkers.

Residenze da favola. Tenuta di Southlake in Texas, dalla rivista GG delle più belle case del mondo. Happy Holidays Edition 2017, Engel & Volkers.

Cortile Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari. Foto Safarik Art Magazine

Cortile Palazzo Del Drago, Roma, Via dei Coronari. Foto Safarik Art Magazine

Experience Roma 2017

Experience Roma 2017, foto Safarik Art Magazine

Experience Roma 2017, foto Safarik Art Magazine

L’apparato fittizio che ho visto stamattina sulla chiesa in Via del Corso suggerisce che domenica Claudia Gerini verrà beatificata in Piazza San Pietro. L’esposizione dell’immagine è pratica comune per i santi, beati e gli ostaggi politici. L’illusione è perfetta.

La chiesa della Santissima Trinità degli Spagnoli in via dei Condotti a Roma, edificata a metà Settecento, di questo secolo contiene il gusto per l’effimero con il decoro interno ridondante di stucchi ed il trionfo del finto marmo, che sostituisce, ovunque tranne nel pavimento, quello vero in varietà di striature e colori. Il frivolo tardobarocco e rococò sceglie per le arricchire con leggerezza le proprie architetture stucchi e trucchi.

La Santa Claudia Gerini (probabilmente morta quando il mio wi-fi era rotto, il telefono scarico e la televisione guasta), a quanto pare è riconosciuta degna di ascensione al Paradiso, da dove può intercedere a favore dei fedeli che la pregano e ne viene autorizzato il culto pubblico, ovvero la pubblicità.

Il culto pubblico delle persone venerabili nel Ventunesimo secolo è sostanzialmente ormai uguale a quello del Settecento ed ha riconquistato con forza le antiche location, come le facciate delle chiese. L’esperienza estetica #roma #2017 è talmente sorprendente da essere sublime.

Palermo capitale italiana della cultura 2018 – Palermo has been elected as 2018 Italian Capital of Culture

Palermo capitale italiana della cultura 2018. Foto SAM

Palazzo Reale, Cappella Palatina. Palermo capitale italiana della cultura 2018. Foto SAM

Palermo sarà capitale italiana della cultura per il 2018. Designata dalla Giuria presieduta da Stefano Baia Curioni, la vincitrice è stata annunciata oggi dal ministro di beni culturali e turismo, Dario Franceschini. Le altre finaliste erano Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l’Unione comuni elimo-ericini. Palermo has been elected as 2018 Italian Capital of Culture.

Domus Libri, Libreria del Cassaro. “Spesso s’incontra il nostro destino sulla strada presa per evitarlo” (La Fontaine). La libreria storica situata nella zona dei Licei Classici di Palermo (Via Vittorio Veneto, 399), fino agli anni Venti era una tipografia, nel 2017 riapre rinnovata col suo catalogo di libri d’arte, tra cui i Classici Rizzoli, e le più belle collane di romanzi e saggi come Sellerio. Sulla strada tra il mare e Monreale, dove si trovano Piazza Pretoria con la statuaria fontana, i Quattro Canti, il Museo d’Arte Contemporaneo, la Chiesa del SS. Salvatore, la Cattedrale, il Museo Diocesano, Villa Bonanno, il complesso monumentale di Palazzo Reale dei Normanni, questi tesoretti della cultura accompagnano chi passeggia nello spirito siciliano della conservazione delle tradizioni. Abbiamo addirittura l’occasione di apprezzare la socialità antica del panettiere che arriva in bicicletta sulla porta dei negozi offrendo filoni di pane,  biscotti e due chiacchiere. L’acquisto e vendita di libri nuovi e usati ha il sapore antico con il valore contemporaneo. A gestirla Fabio Di Ganci col fare del libraio bibliotecario: ad ogni persona il suo libro, ad ogni età una lettura.

Palermo capitale italiana della cultura 2018. Foto SAM

Libreria storica del Cassaro, Domus Libri. Palermo capitale italiana della cultura 2018. Foto SAM

Palermo capitale italiana della cultura 2018. Foto SAM

Via Vittorio Emanuele. Palermo capitale italiana della cultura 2018. Foto SAM

VEDI ALTRE IMMAGINI Continua a leggere

I volti nei tronchi di Roma scolpiti dal giovane Andrea Gandini

Andrea Gandini, Troncomorto 27, Roma, Via Cola di Rienzo, scultura in legno, 2016. Foto Safarik Art Magazine

Una delle proposte artistiche più interessanti nella Roma assopita del seondo decennio del Duemila è Andrea Gandini, giovane liceale, scultore del legno. Bello, bravo e simpatico: il Troncomorto. Aggettivi che userei per un ragazzo si adattano a meraviglia alle sue opere d’arte, i volti nel legno. Simpatico, si legga qui, nella mia visione personale, come fatto che suscita la mia attenzione. Continua a leggere

Recuperate tutte le opere del pittore cinquecentesco Cola dell’Amatrice dopo il terremoto nel Centro Italia del 24 agosto 2016.

Amatrice - Recupero dei beni culturali dopo il terremoto del 24-08-2016 nel centro Italia © Foto protezione civile

Amatrice – Recupero dei beni culturali dopo il terremoto del 24-08-2016 nel centro Italia © Foto protezione civile

A meno di 10 giorni dal terremoto che ha colpito Lazio, Marche e Umbria, è in atto il piano di recupero del patrimonio culturale, accanto alle operazioni a sostegno della popolazione e della messa in sicurezza del territorio. Nicola Filotesio detto Cola dell’Amatrice, pittore, architetto e scultore (Amatrice, 1480/89 – Ascoli Piceno, 1547-1559), è la personalità del passato di maggior spicco nel paese da cui prende il nome d’arte. Il museo a lui intitolato, sconosciuto ai più, come lo stesso artista è lesionato, ma le colonne hanno retto e alcune pareti, mentre le macerie sono state rimosse con successo recuperando ogni opera, alcune completamente senza danni. Continua a leggere

Pokemon Go: caccia ai luoghi d’interesse storico artistico.

img_6274

“Pare Na Chiesa”, Piazza di Campo Marzio, ingresso laterale della Chiesa e Monastero di Santa Maria in Campo Marzio, foto SAM da App Pokemon Go

Tutti a caccia di Pokemon! Ebbene c’è un risvolto positivo, anche per quelli che non hanno acquistato le azioni della Nintendo. Col mio fedele Iphone al guinzaglio passeggio velocemente per le vie di Roma per solite e insolite commissioni. L’applicazione Pokemon Go aperta a consumare tutta la batteria. In Piazza di Campo Marzio si apre il Pokestop “Pare Na chiesa”, dietro Palazzo Chigi. Ho iniziato a giocare a Pokemon Go per svago, curiosità e nostalgia della prima versione per Game Boy della Nintendo, oggi società in incredibile ascesa per il lancio del primo gioco in realtà aumentata, in cui cioè la partita si svolge sulla mappa reale sfruttando la geolocalizzazione GPS degli smartphone e visualizza gli elementi di gioco su sfondo ripreso in diretta dalla fotocamera. La ricerca dei Pokestop, dove ottenete strumenti di gioco, è divertente quanto quella la caccia ai mostriciattoli, anzi è una fonte sorprendente di spunti culturali. Pokemon Go ha un pregio culturale non indifferente. Continua a leggere